GLUTAMMINA                              

Articolazioni, alcalinizzante, stanchezza fisica e mentale
Funzioni: Articolazioni, Attività fisica, Concentrazione, Memoria, Denti, Gengive,  Difese Immunitarie, Equilibrio Acido Base, Fegato, Ossa, stanchezza Fisica e Mentale. La L-glutammina è l’amminoacido più presente nel corpo umano: oltre che nei muscoli, si trova in quantità discrete anche nel sistema nervoso, nell’intestino, nel fegato, nel cuore e viene utilizzata da tutte le cellule, in particolare da quelle deputate alle difese immunitarie per produrre energia, partecipa a varie attività metaboliche, quali la formazione delle proteine e del glutatione  (potente antiossidante che l’organismo produce per contrastare i radicali liberi, proteggendo  le cellule dai pericoli ossidativi). La L-glutammina comporta la trasformazione dell’ammoniaca, un residuo tossico per l’organismo, in forme innocue che vengono poi eliminate, regolando così l’equilibrio acido-alcalino del corpo. Quando abbiamo poca Glutammina, c'è un calo del sistema immunitario, questa è una legge accertata. La Glutammina si accumula nel sistema muscolo-scheletrico dell'organismo dove viene richiamata al fegato in caso di infiammazione, quindi la prima cosa che denota mancanza di glutammina è svegliarsi un po' rigidi. Poi ci si mette in movimento e la cosa “passa”. Il sistema impoverito di glutammina cerca di richiamare tutto l'organismo per cercare di eliminare l'ammoniaca nei tessuti. Poi la Glutammina è importante per il sistema immunitario intestinale e assicura l'integrità delle mucose. Quindi quando c'è l'intestino da sanare e le mucose sono permeabili, per prima cosa la glutammina e poi l'aloe. La Glutammina controlla anche l'equilibrio acido base, il ph alcalino. L'ammoniaca è parecchio tossica per il sistema nervoso. Quindi se una persona ha problemi al sistema nervoso sicuramente ha una grossa carenza di glutammina perchè ha un eccesso di ammoniaca. Il rene ha il ruolo base per l'equilibrio acidobase perchè con la glutammina trasforma l'ammoniaca e la elimina attraverso l'urea. Riduce quindi l'acidità nell'organismo. Quindi la glutammina è la vera sostanza che aiuta l'equilibrio acidobase dell'organismo – insieme con alimentazione corretta ovviamente.....oltre a sistemare rigidità della schiena e dolori alle articolazioni – queste infiammazioni andrebbero a causare corrosioni etc...  Lo stress protratto iperattiva il sistema neurovegetativo e questo è causa di carenza di glutammina. Oltre ai muscoli, tutto il sistema immunitario verrà depresso sia per un eccesso di cortisolo che per carenza di glutammina. Lo stress protratto quindi causerà surrenali iperattive per poter avere più cortisolo, e in assenza di vitamina B5 e vit. C ad un certo momento tutto si blocca: muscoli contratti per il consumo di glutammina che quella poca sintetizzata viene sottratta dal muscolo scheletrico e per cercare di riequilibrare almeno un po' il ph dell'organismo. È chiaramente un deficit immunitario, e se in più abbiamo un colesterolo alto, questo è causato dall'avere meno glutammina a disposizione. Quindi il colesterolo alto è quasi sempre creato da una situazione di stress protratto, non solo dall'alimentazione. Se ci si mette anche l'alimentazione con formaggi e carne allora la situazione peggiorerà. La glutammina, che salvaguarda il sistema immunitario e le mucose, la massa muscolare etc.. deve però essere assunta con degli OMEGA3 o comunque con fonti di acidi grassi polinsaturi essenziali (semi lino canapa zucca o oli relativi in buone quantità o perle di Omega3), che ne abbiamo tutti un gran bisogno. Consigli d’uso: Per la polvere: Sciogliere in acqua un cucchiaino da caffè raso di polvere da 1 a 2 volte al giorno (circa 2,5 g). Per le capsule: da 2 a 3 capsule a giorno da deglutire con acqua lontano dai pasti.